Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio: un SUV da brivido

Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio: una novità straordinaria

All’ultima edizione del Salone Internazionale di Los Angeles, tenutasi nel mese di novembre del 2016, è stata ufficialmente presentata l’inedita Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, modello che segna il tanto atteso ingresso nel segmento SUV.

La denominazione Stelvio deriva dall’omonimo valico montano, il più alto d’Italia e tra i più alti in Europa. Tuttavia, questa denominazione è stata già utilizzata da Moto Guzzi per la diretta concorrente della motocicletta BMW R 1200 GS.

Come accaduto per la berlina Giulia, anche la Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio è stata svelata nella declinazione Quadrifoglio, ovvero la versione più sportiva, equipaggiata con il motore a benzina 2.9 V6 BiTurbo da 510 CV di potenza, di origine Ferrari e realizzato interamente in alluminio. Lo sviluppo, invece, è stato affidato al Centro d’Ingegneria della Alfa Romeo, presso l’impianto Maserati di Modena.

Il suddetto propulsore della Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio è abbinato alla trazione integrale Q4, nonché dotato del sistema di disattivazione dei cilindri a controllo elettronico che garantisce la massima efficienza nel consumo di carburante. Inoltre, è abbinato al cambio automatico ad otto rapporti – fornito dallo specialista ZF – con palette in alluminio al volante.

Il quadro tecnico della Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio è completato dal dispositivo Alfa DNA Pro che permette di scegliere anche la modalità di guida Race, oltre alle già previste modalità di guida Dynamic, Natural e Advanced Efficiency.

Per quanto riguarda le dimensioni, la Stelvio Quadrifoglio è lunga 468 centimetri, larga 216 centimetri e alta 165 centimetri. Esteticamente, è caratterizzata dall’allestimento sportivo che prevede lo spoiler posteriore aerodinamico, le minigonne laterali in tinta con la carrozzeria e dotati di appendici aerodinamiche in carbonio, i passaruota allargati ed i paraurti sia anteriore che posteriore specifici.

 

Tra le caratteristiche tecniche della nuova Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio figurano la perfetta distribuzione della massa per il 50% all’avantreno e la restante metà al retrotreno, ma anche per l’eccellente rapporto tra peso e potenza.

Allo stesso modo della Giulia Quadrifoglio, anche la Stelvio è dotata del sistema di controllo CDC, acronimo di Chassis Domain Control, da cui dipendono i dispositivi Torque Vectoring che aumenta il controllo della trazione e Integrated Brake System che, assieme all’impianto frenante in alluminio con freni a disco in carboceramica, riduce lo spazio di frenata su qualsiasi fondo stradale.

Inoltre, la Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio è equipaggiata con il reparto sospensioni AlfaLink, composto all’avantreno da doppi bracci oscillanti con asse di sterzo semi-virtuale e al retrotreno dal sistema – brevettato da Alfa Romeo – a quattro bracci e mezzo.

 

Infine, l’abitacolo della Stelvio Quadrifoglio è caratterizzato dagli interni sportivi in pelle abbinati ad elementi in legno, alluminio e fibra di carbonio ed al sistema multimediale Connect – sviluppato da Magneti Marelli – con il display 3D da 8,8 pollici e il navigatore satellitare.

La Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio, prodotta anch’essa nell’impianto laziale di Cassino (FR), debutterà sul mercato italiano nel corso del 2017, ma solo dopo le versioni standard a benzina e gasolio.

About fastforward

Leggi anche

a45 amg

Mercedes A45 AMG: potenza pura

La Mercedes A45 AMG è un’autentica auto sportiva. La Mercedes a45 AMG è veloce, aggressiva …

La 911 GTS si fa in cinque

Porsche 911 GTS: prestazioni superiori e sound sportivo

La 911 GTS si fa in cinque By MFM Fabrizio Arnhold Efficienza e prestazioni, questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *