Jaguar E Type: mito, leggenda ed eleganza

Mito e leggenda, a questo ci troviamo di fronte quando guardiamo una Jaguar E-type.

Poche auto sono fissate nell’immaginario collettivo come questa splendida vettura, la Jaguar E Type.

La Jaguar E-Type, conosciuta anche come XK-E o anche XKE (anche se era questo il suo nome iniziale), fu prodotta dalla casa automobilistica britannica Jaguar dal 1961 al 1975. La E-Type fu una vettura rivoluzionaria per la progettazione, le caratteristiche di guida e l’estetica; era in anticipo sui tempi . Il suo prezzo era più basso di quello delle vetture pari classe della concorrenza e questo aiutò le vendite che, nei 14 anni nei quali rimase in produzione, arrivarono a 70.000 vetture. Nel 2004 la rivista statunitense Sports Cars International la mise al primo posto tra le Top Sport Cars degli anni sessanta.

In ambito fumettistico, la Jaguar E-Type è la vettura personale di Diabolik e Eva Kant. Inizialmente, negli anni sessanta, la casa britannica diffidò gli autori dal nominare la marca dell’auto in quanto temeva una pubblicità negativa. In seguito la stessa Jaguar chiese ad Astorina di inserire delle immagini tratte dal fumetto nel libro che celebrava i cinquant’anni del modello. Nel film ispirato al fumetto Diabolik guida la sua Jaguar E-Type nera, mentre Eva usa una sua Jaguar E-Type personale bianca. La macchina compare in uno spot pubblicitario in cui Eva Kant compie un furto e scappa con una Fiat Punto mentre Diabolik sta cambiando una ruota della Jaguar.

La Series 1 fu introdotta nel marzo del 1961. Abbandonava il classico telaio a longheroni e traverse della precedente serie XK per una più moderna soluzione monoscocca con telaietto anteriore supplementare. Montava un motore Jaguar da 3.800 cm³ derivato da quello della XK150, alimentato da tre carburatori SU HD8 e con una potenza di 265 CV, abbinato ad un cambio meccanico a quattro marce MOSS, con prima non sincronizzata. Nel 1965 fu immesso sull’auto un motore da 4.200 cm³. Al retrotreno fu adottata una sospensione a ruote indipendenti al posto del tradizionale schema a ponte rigido. La Series 1 può essere riconosciuta dai alcuni particolari:

  • la presa d’aria anteriore, la bocca, è di dimensioni ridotte (ma leggermente più grande sulla versione da 4,2 litri);
  • le luci di segnalazione sono sopra i paraurti;
  • il terminale di scarico doppio è sotto la targa posteriore;
  • i fari anteriori sono dotati di copertura in vetro.

I primi esemplari, realizzati tra il 1961 ed il 1962, furono definiti flat floor perché avevano il pianale piatto in corrispondenza dell’appoggio dei piedi, limitando un po’ lo spazio a disposizione. Successivamente il fondo fu modificato. Le auto che montavano il motore da 3,8 litri avevano i sedili di forma arrotondata e il cruscotto era in alluminio. Le vetture che invece montavano il 4,2 avevano sedili più confortevoli e il cruscotto ricoperto di finta pelle. Inoltre era presente, sul bagagliaio, la scritta Jaguar 4.2 E Type mentre nelle vetture dotate del 3,8 L questa era semplicemente Jaguar. Infine sulla 4,2 L il cambio, prodotto interamente dalla Jaguar, era completamente sincronizzato.

Negli anni 1967 e 1968 fu realizzata la prima evoluzione, definita Series 1 1/2. Queste vetture erano simili alle E-type Series 1 tranne che per l’assenza della protezione in vetro della fanaleria anteriore e, nell’abitacolo, l’eliminazione dei braccioli alle portiere (con le maniglie di apertura incassate nel pannello di rivestimento per motivi di sicurezza), un coperchio per il vano portaoggetti della plancia (in precedenza completamente aperto) e per i differenti interruttori dei servizi, ora a bilanciere. Dal punto di vista meccanico si differenziavano per l’adozione di due carburatori Zenith-Stromberg al posto dei tre carburatori SU. Nel 1966 fece la sua comparsa la versione 2+2 del coupé mentre la versione scoperta rimase una due posti.

Un’auto entrata nella leggenda ed un classico destinato a non perdere mai la sua eleganza.

 

About fastforward

Leggi anche

a45 amg

Mercedes A45 AMG: potenza pura

La Mercedes A45 AMG è un’autentica auto sportiva. La Mercedes a45 AMG è veloce, aggressiva …

La 911 GTS si fa in cinque

Porsche 911 GTS: prestazioni superiori e sound sportivo

La 911 GTS si fa in cinque By MFM Fabrizio Arnhold Efficienza e prestazioni, questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *